Data di scadenza sulle bottiglie d’acqua, perché non devi assolutamente berle dopo: cosa rischi per la tua salute

Data di scadenza sulle bottiglie d’acqua in pochi sanno cosa vuol dire: ecco cosa accade se la bevi anche dopo la data indicata.

L’acqua imbottigliata, un bene fondamentale e spesso considerato quasi immortale, ha una data di scadenza impressa sulle sue confezioni. Questo fatto potrebbe lasciare molti perplessi: come può un elemento così semplice e vitale avere una data di scadenza? E cosa succede realmente dopo quella data? Vediamo qual è la verità dietro questa pratica comune e se davvero l’acqua scaduta è sicura da bere.

cosa indica scadenza sulle bottiglie d'acqua
Le bottiglie d’acqua hanno la scadenza, ma cosa indica? Gallurainformazioni.it

Prima di tutto, è importante capire che l’acqua in sé non scade nel senso tradizionale del termine. L’acqua non si deteriora nel tempo come il cibo, non sviluppa muffa né marcisce. È sostanzialmente immutabile nella sua composizione chimica. Allora, perché le bottiglie d’acqua hanno una data di scadenza? E soprattutto ci sono rischi per la nostra salute nel momento in cui beviamo comunque l’acqua dopo la scadenza indicata?

Date di scadenza sulle bottiglie d’acqua: ecco cosa vuol dire

La risposta risiede principalmente nella plastica utilizzata per le bottiglie. La maggior parte delle bottiglie d’acqua è fatta di polietilene tereftalato (PET), una plastica che nel tempo può rilasciare sostanze chimiche nell’acqua. Questo processo è accelerato da fattori come la luce solare diretta, il calore e il contatto con sostanze chimiche esterne, come detergenti o solventi. Con il passare del tempo, la plastica può degradarsi, rilasciando microplastiche e sostanze come esteri ftalati e antimonio nell’acqua, alterandone il sapore e potenzialmente rendendola nociva per il consumo umano.

la scadenza è riferita alla bottiglia di plastica
Non è l’acqua a scadere ma è la bottiglia che può rilasciare sostanze nocive Gallurainformazioni.it

La data di scadenza sulla bottiglia, quindi, non indica la scadenza dell’acqua stessa, ma piuttosto la data entro la quale si ritiene che la plastica della bottiglia possa mantenere l’acqua al suo interno sicura e di buona qualità. Tuttavia, è importante sottolineare che questa data è indicativa e che l’acqua contenuta nelle bottiglie si può consumare anche dopo quella data, purché sia conservata correttamente.

La corretta conservazione dell’acqua in bottiglia è fondamentale per garantirne la sicurezza e la qualità nel tempo. Le bottiglie dovrebbero essere conservate in luoghi freschi, asciutti e al riparo dalla luce solare diretta. Evitare il contatto con sostanze chimiche esterne è altrettanto importante per prevenire la contaminazione dell’acqua.

Tuttavia, anche se conservata correttamente, l’acqua in bottiglia può comunque essere soggetta a contaminazione da muffe, virus e batteri. Questo rischio aumenta man mano che la bottiglia viene aperta e riutilizzata, poiché ogni apertura consente l’ingresso di nuovi microrganismi. Se l’acqua assume un sapore rancido o stantio, è probabile che sia contaminata e non sia sicura da bere. In caso di dubbi sulla sicurezza dell’acqua in bottiglia, è possibile filtrarla o bollirla per eliminare eventuali contaminanti. Tuttavia, è importante notare che questo potrebbe non rimuovere completamente tutte le sostanze chimiche rilasciate dalla plastica della bottiglia.

Insomma, la data di scadenza sulle bottiglie d’acqua indica la data entro la quale si ritiene che la plastica della bottiglia mantenga l’acqua sicura e di buona qualità. Tuttavia, l’acqua può essere consumata anche dopo quella data, a condizione che sia stata conservata correttamente e che non abbia assunto un sapore sgradevole o non sia stata contaminata da muffe o batteri.

Impostazioni privacy