Assegno di inclusione, tantissime persone stanno facendo questo errore: rimedia subito o devi restituire tutto

Assegno di Inclusione: evita questo errore o rischi di dover restituire totalmente le somme ricevute. La procedura migliore.

L’Assegno di inclusione è un sostegno molto importante per gran parte delle famiglie italiane. Tuttavia, c’è un errore che molti commettono inconsapevolmente.

Assegno inclusione evita questi errori
Per evitare di perdere l’assegno, non commettere questi errori – (Gallurainformazione.it)

Mettono a rischio non solo la perdita del beneficio ma anche sanzioni più severe, incluso il rischio di reclusione. Esploreremo cosa devi sapere per evitare questo errore e percepire le somme in modo regolare.

Assegno di inclusione: evita questi errori

È importante dare la comunicazione tempestiva delle variazioni patrimoniali. Una delle regole fondamentali per coloro che ricevono l’Assegno di Inclusione è comunicare prontamente all’INPS qualsiasi variazione dei redditi e del patrimonio. Questi aspetti potrebbero influenzare i requisiti per ricevere il beneficio. È un passaggio fondamentale per evitare di cadere in conseguenze spiacevoli.

Molte persone credono in modo errato che avere un Isee in corso di validità sia sufficiente per garantire che l’INPS effettui una valutazione corretta dei requisiti. Tuttavia, se accade che mentre si ricevono i benefici dell’assegno si superano i limiti imposti dalla legge, è necessario comunicarlo all’INPS. Altrimenti, si rischia di incorrere in sanzioni gravi.

In merito a questo argomento, è importante tenere presente che il limite patrimoniale da rispettare varia in base alla composizione del nucleo familiare. Per spiegare meglio, partiamo da un valore di base di 6.000 euro per tutti i membri, al quale vanno aggiunti:

  • 2.000 euro per ogni persona aggiuntiva oltre alla prima, fino a un massimo di 10.000 euro;
  • 1.000 euro per ogni persona aggiuntiva oltre alla seconda;
  • 5.000 euro per ogni membro in condizioni di disabilità grave, o 7.500 euro se non autosufficiente.
Assegno inclusione comunicazione all'Inps
È molto importante essere tempestivi nelle comunicazioni di variazione dei redditi – (Gallurainformazione.it)

Se il nucleo familiare riceve somme superiori alle soglie stabilite per donazione, successione o vincita, è essenziale comunicarlo all’INPS entro 15 giorni. Lo stesso discorso vale per altre variazioni patrimoniali che potrebbero influenzare i requisiti per l’Assegno di Inclusione.

È molto importante, e consigliato dagli esperti del settore, tenere sotto controllo il saldo e la giacenza media dei conti correnti. Tutti i membri del nucleo familiare sono coinvolti, e devono verificare se il requisito patrimoniale è ancora rispettato. In caso di dubbi, è meglio comunicare tempestivamente all’INPS eventuali variazioni.

La mancata comunicazione delle variazioni patrimoniali rilevanti può comportare la decadenza dell’Assegno di Inclusione e sanzioni penali. È anche compresa la reclusione da 1 a 3 anni. Inoltre, il beneficiario è tenuto a restituire quanto indebitamente percepito.

È di fondamentale importanza essere consapevoli degli obblighi e delle responsabilità legate alla percezione dell’Assegno di Inclusione. Comunicare tempestivamente all’INPS qualsiasi variazione patrimoniale è essenziale per evitare conseguenze gravi e proteggere il proprio sostegno finanziario.

Impostazioni privacy