Meglio stare attenti a questo dettaglio coi bonus edilizi: si rischia una multa di diverse migliaia di euro

Il nuovo decreto sui bonus edilizi: rischio multe e decadenza fiscale per chi non si adegua nei tempi di legge.

Nel panorama delle agevolazioni fiscali italiane, una recente novità potrebbe avere conseguenze significative per chi investe in interventi di efficientamento energetico e antisismico. Il nuovo decreto Agevolazioni fiscali ha introdotto un obbligo di trasmissione di informazioni nel settore dei bonus edilizi, al fine di monitorare più attentamente la spesa pubblica in questi ambiti e imporre sanzioni a chi non si adegua.

Decreti bonus edilizi: attenzione, rischio multe salate
Attenzione ai dettagli sui bonus edilizi: si rischiano multe salate Gallurainformazione.it

L’obbligo richiede ai soggetti coinvolti in interventi di efficientamento energetico e misure antisismiche di fornire all’ENEA e al “Portale nazionale delle classificazioni sismiche” una serie di informazioni dettagliate, tra cui dati catastali dell’immobile, spese sostenute e previste e percentuali delle detrazioni fiscali applicabili. Chi non rispetta questo obbligo rischia una multa salata di 10.000 euro e la decadenza dai benefici fiscali per i nuovi interventi non dichiarati

I soggetti obbligati alla trasmissione dei dati sono coloro che hanno presentato la comunicazione di inizio lavori asseverata entro il 31 dicembre 2023 e non hanno concluso i lavori alla stessa data, oltre a coloro che hanno presentato la comunicazione di inizio lavori asseverata a partire dal 1° gennaio 2024. È importante notare che le modalità operative e i tempi di trasmissione del nuovo obbligo saranno definiti con un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, il quale dovrà essere emanato entro 60 giorni dal 30 marzo 2024.

Nuove regole sui bonus edilizi: il decreto Agevolazioni Fiscali introduce sanzioni

La multa di 10.000 euro per la mancata trasmissione delle informazioni è un segnale chiaro dell’impegno del governo nel garantire la corretta attuazione delle politiche di efficientamento energetico e sicurezza sismica. Inoltre, per i nuovi interventi, è prevista la decadenza dall’agevolazione fiscale, una penalità che mira a scoraggiare l’elusione delle regole.

Sanzioni per chi non trasmette informazioni
Il decreto Agevolazioni Fiscali introduce sanzioni per chi non rispetta l’obbligo di trasmissione di informazioni sui bonus edilizi Gallurainformazione.it

In sintesi, il decreto Agevolazioni fiscali, in vigore dal 30 marzo 2024, ha introdotto un nuovo obbligo di trasmissione di informazioni per i bonus edilizi, con sanzioni severe per chi non si conforma. La corretta osservanza di queste disposizioni è fondamentale per evitare multe salate e la perdita dei benefici fiscali. Questo nuovo obbligo mira a garantire una maggiore trasparenza e responsabilità nei settori degli interventi edilizi, consentendo una migliore monitoraggio della spesa pubblica e una maggiore tutela degli investimenti nel settore dell’efficienza energetica e della sicurezza sismica.

La raccolta dettagliata di informazioni consentirà alle autorità competenti di valutare l’efficacia delle politiche fiscali e di intervenire tempestivamente in caso di irregolarità o abusi. Infine, la sanzione di 10.000 euro per la mancata trasmissione delle informazioni e la decadenza dall’agevolazione fiscale per i nuovi interventi non dichiarati servono da deterrente contro comportamenti scorretti e illeciti, proteggendo l’integrità del sistema e promuovendo una cultura del rispetto delle norme e della legalità.

Impostazioni privacy